In News, NovaFund News

La Legge di Bilancio 2020 ha chiuso anticipatamente il Bonus Ricerca 2015-2020 e ha introdotto delle nuove modalità a partire dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31/12/2019 (esercizio 2020).

Novità Legge di Bilancio 2020

La principale novità introdotta dalla Legge di Bilancio 2020 è che, oltre alle attività di R&S, il nuovo credito d’imposta è stato ampliato anche a quelle di transazione ecologica, innovazione tecnologica 4.0 e altre attività innovative.

In particolare, il nuovo credito d’imposta riguarda:

1) attività di ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale in campo scientifico o tecnologico. Per queste attività il bonus è pari al 12% delle spese ammissibili;

2) attività di innovazione tecnologica finalizzate alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati. Per tali attività, il bonus è pari al:

  • 6% per le attività di innovazione tecnologica,
  • 10% per attività di innovazione tecnologica per il raggiungimento di un obiettivo di transizione ecologica o di innovazione digitale 4.0;

3) altre attività innovative (per i settori tessile, moda, calzaturiero, occhialeria, orafo, mobile e arredo, ceramica). Per tali attività il bonus è pari al 6%.

È previsto un incremento del 50% per:

  • contratti di R&S con università e istituti di ricerca residenti nel territorio dello Stato (solo per progetti di R&S);
  • per l’impiego di personale per soggetti di età non superiore a trentacinque anni, al primo impiego, in possesso di un titolo di dottore di ricerca o iscritti a un ciclo di dottorato presso un’università italiana o estera o in possesso di una laurea magistrale in discipline di ambito tecnico o scientifico secondo la classificazione internazionale standard dell’educazione (Isced) dell’UNESCO, assunti dall’impresa con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato). Per i progetti relativi ad “altre attività innovative” il titolo di studio consiste in una laurea in design o altri titoli equiparabili.

Inoltre, viene eliminato il criterio incrementale: non è più necessario il calcolo della media.

La misura è valida per il periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2019.

 

Chi può ottenere il contributo?

Possono accedere al credito d’imposta tutte le imprese.

Quali sono le spese ammissibili?

Sono ammissibili le spese sostenute per:

  • personale titolare di rapporto di lavoro subordinato o di lavoro autonomo o altro rapporto diverso dal lavoro subordinato;
  • beni materiali mobili e software utilizzati nei progetti di Ricerca e Sviluppo/Innovazione tecnologica;
  • le spese per contratti di ricerca e innovazione tecnologica extra-muros aventi ad oggetto il diretto svolgimento da parte del soggetto commissionario delle attività ammissibili al credito d’imposta;
  • acquisto da terzi, anche in licenza d’uso, di privative industriali;
  • consulenza e servizi equivalenti;
  • materiali e forniture impiegati nei progetti di ricerca/innovazione tecnologica.

Il credito di imposta è cumulabile con altre agevolazioni!

 

Contattaci per avere maggiori informazioni

Dichiaro espressamente di aver letto l'Informativa GDPR 2016/679 e di autorizzare al trattamento dei dati personali.

Esprimo il mio consenso a ricevere via e-mail, posta e/o sms e/o contatti telefonici, newsletter, comunicazioni commerciali e/o materiale pubblicitario su prodotti o servizi offerti dalla Rete Link Innovation e rilevazione del grado di soddisfazione sulla qualità dei servizi.

SINO

Recommended Posts
Contattaci

Per qualsiasi chiarimento saremo a tua disposizione.

Not readable? Change text. captcha txt
POR VENETO 1.1.2iper ammortamento