In News, NovaFund News

La PMI Innovativa rappresenta la normale evoluzione della più nota Start up Innovativa, istituto a cui numerosissime imprese ricorrono nei primi cinque anni di vita, al fine di ottenere interessanti vantaggi contabili/fiscali/finanziari.

Analogamente accade per le imprese più mature che, superati i cinque anni di anzianità, non possono più configurarsi start up, ma piuttosto come “PMI Innovativa”.

Cosa spinge un’azienda a ricorrere a questa forma giuridica definita nel 2015?

Con l’approvazione della Legge 33/2015 (Investment Compact), sono riservate alle PMI innovative interessanti agevolazioni fiscali e semplificazioni normative.

Analizziamo le caratteristiche principali, gli obblighi e i vantaggi.

Profilo della PMI Innovativa

Può definirsi PMI Innovativa un’impresa che abbia le seguenti caratteristiche:

  • < 250 addetti, < 50 mln € di fatturato annuo, < 43 mln € di attivo totale;
  • residenza in Italia, o in altro Paese UE se con sede produttiva o filiale in Italia;
  • bilancio certificato;
  • non quotata in un mercato regolamentato;
  • non iscritta alla sezione speciale delle start up innovative.

Infine, deve rispettare almeno 2 dei seguenti 3 requisiti:

  1. ha sostenuto spese in R&S e innovazione pari ad almeno il 3% del maggiore valore tra fatturato e costo della produzione;
  2. impiega personale altamente qualificato (almeno 1/5 dottori di ricerca, dottorandi o ricercatori, oppure almeno 1/3 con laurea magistrale);
  3. è titolare, depositaria o licenziataria di almeno un brevetto o titolare di un software registrato.

Quali sono gli obblighi

Per ottenere e mantenere lo status, l’impresa deve annualmente:

  • certificare il bilancio;
  • confermare il possesso dei requisiti e la permanenza nella “sezione speciale” del Registro Imprese entro 30 giorni dall’approvazione del bilancio e comunque entro sei mesi dalla chiusura di ciascun esercizio.

Quali sono i vantaggi

  1. Una gestione societaria molto più flessibile, che avvicina le S.r.l. alle S.p.a.;
  2. garanzie statali agevolate;
  3. sostegno all’internazionalizzazione;
  4. contributi pubblici dedicati;
  5. ripianamento perdite più facile consistente in una proroga del termine per la copertura delle perdite;
  6. strumenti finanziari ad hoc;
  7. incentivi fiscali sul capitale sociale.

Quest’ultimo punto è sicuramente il vantaggio più interessante in quanto si prevede la concessione di una:

  • deduzione per le persone giuridiche
  • detrazione per le persone fisiche

pari al 30% della somma investita nel capitale sociale di una PMI Innovativa.

Dunque AVANTI con gli investimenti!

Contattaci per verificare la tua qualifica di PMI innovativa ed entrare nella nuova sezione del Registro delle Imprese.

Dichiaro espressamente di aver letto l'Informativa GDPR 2016/679 e di autorizzare al trattamento dei dati personali.

Esprimo il mio consenso a ricevere via e-mail, posta e/o sms e/o contatti telefonici, newsletter, comunicazioni commerciali e/o materiale pubblicitario su prodotti o servizi offerti dalla Rete Link Innovation e rilevazione del grado di soddisfazione sulla qualità dei servizi.

SINO

Recommended Posts
Contattaci

Per qualsiasi chiarimento saremo a tua disposizione.

Not readable? Change text. captcha txt
plan-inspeccionbonus pubblicità